Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Visita della Nave Morosini in Kuwait

Arrivo Ambasciatore Baldocci su Nave Morosini
Arrivo Ambasciatore Baldocci su Nave Morosini

Il Pattugliatore Polivalente di Altura “Francesco Morosini” ha fatto sosta a Kuwait City dal 25 al 28 agosto 2023 nell’ambito di una Campagna di cinque mesi iniziata ad aprile 2023 che l’ha condotta fino all’Indopacifico. L’Ambasciatore d’Italia in Kuwait Carlo Baldocci ha accolto la Nave al suo arrivo nel porto di Shuwaikh a Kuwait City, incontrando il Comandante C.F. Giovanni Monno, il rappresentante dello Stato Maggiore della Marina Amm. Marco Tomasetti e il Comandante della Missione EMASOH C.A. Mauro Panebianco. Domenica 27 si è tenuto un ricevimento a bordo della Nave a cui hanno partecipato membri del corpo diplomatico accreditato in Kuwait, rappresentanti di varie forze armate kuwaitiane e straniere e membri del governo kuwaitiano tra cui il Sottosegretario alla Difesa Sheikh Dr. Abdullah Meshaal Al-Sabah, che ha espresso vivo apprezzamento per l’alta tecnologia della nave italiana.

Il Morosini è la seconda nave della Classe Paolo Thaon di Revel della Marina Militare Italiana. Tecnologicamente all’avanguardia, la nave si caratterizza per una elevata flessibilità operativa che permette di svolgere molteplici compiti, tanto quelli di natura strettamente militare, come il combattimento, il pattugliamento e il trasporto logistico, quanto quelli di protezione civile.

La campagna di Nave Morosini ha l’obiettivo di rafforzare la presenza militare italiana in aree lontane dal Mediterraneo e al contempo promuovere la tecnologia e l’intero sistema paese italiano. Nel Golfo, Nave Morosini si è unita all’Operazione AGENOR, organizzata nell’ambito della Missione europea EMASOH (European Maritime Awareness Strait of Hormuz), attraverso cui i Paesi europei coinvolti contribuiscono a garantire la libertà di navigazione e il libero flusso di merci nel Golfo e nello Stretto di Hormuz.

L’Ambasciatore Carlo Baldocci ha dichiarato: “Al di là del suo significato militare, la Campagna di Nave Morosini costituisce una testimonianza dell’eccellenza italiana, mostrando, in importanti contesti internazionali, l’elevato contenuto tecnologico di questa moderna classe di navi sviluppata dall’industria della difesa italiana”.